Home

COMUNICAZIONE ALLA CITTADINANZA SU OPERATO DELL'AMMINISTRAZIONE

E-mail Stampa PDF

COMUNICAZIONE ALLA CITTADINANZA SULLE RAGIONI DELL'OPERATO DELL'AMMINISTRAZIONE E SULLE PROPOSTE CONCRETE PER LE DIVERSE FASI DELL'EMERGENZA.

Oggetto: considerazioni preliminari in merito alla richiesta di convocazione del Consiglio Comunale straordinario e urgente da parte del gruppo Consiliare “Grotta Bene Comune” – prot. N° 0004671 del 29.04.2020.

Con riferimento all’oggetto ed alle relative proposte per discutere il seguente Ordine del giorno: “Emergenza Coronavirus – misure e/o iniziative adottate e da adottare dall’Amministrazione Comunale in ambito sanitario, economico e sociale e proposte del Gruppo Consiliare “Grotta Bene Comune”, si precisa, prima di prendere in considerazione la specifica trattazione del contenuto del suddetto tema, che in ottemperanza degli aspetti giuridici e della funzione del Consiglio Comunale e delle norme dello Statuto e del Regolamento vigenti, tutti i proponenti di ordine del giorno sono obbligati a presentare al momento della richiesta formale di Consiglio comunale, proposta deliberativa per acquisizione preventiva dei pareri di legittimità, tecnici e contabili, occorrenti. Considerato che nessun atto formale è stato presentato il Consiglio sarà impossibilitato ad esprimersi.

Inoltre,
-premesso che dal 23 Febbraio del 2020 il Sindaco, l’Amministrazione comunale, le Forze dell’Ordine, le Associazione di Volontariato, i Dipendenti tutti, sono impegnati in prima linea nella lotta alla Pandemia in corso con un incessante lavoro di squadra multiprofessionale volto a contrastare l’emergenza sanitaria, sociale, ed economica, nel rispetto dei Decreti e delle Ordinanze emergenziali, in continuo e costante rapporto con la filiera istituzionale;

-che con solerzia giornaliera, in raccordo con le Forze dell’Ordine preposte e con l’ASL/AV, principalmente, sono state messe in atto tutte le misure possibili, sanitarie e non, per contenere la diffusione del contagio e proteggere la Comunità dai danni incombenti, come si evince da tutte le documentate iniziative (condivise nell’ambito della Filiera Istituzionale: Presidenza del Consiglio, Ministeri, Regione, Prefettura, Provincia, altri Comuni, Consorzio delle Politiche Sociali e Associazioni di Volontariato, ed anche la Parrocchia di Santa Maria Maggiore.

-che è stato rapidamente attivato il COC (Centro Operativo Comunale della protezione civile), operativo in maniera permanente, con puntuale divulgazione sui siti ufficiali (oltre 30 avvisi alla cittadinanza; attivazione APP interattiva, controllo del territorio costante, monitoraggi ambientali);

-che si è provveduto alla rapida erogazione di buoni spesa per tutti i richiedenti in base ai fondi destinati in concerto con il Consorzio dei Servizi sociali e l’Assistente Sociale, garantendo anche l’approvvigionamento alimentare e di DPI con il prezioso aiuto della Pubblica Assistenza di Grottaminarda convenzionata con il Consorzio dei servizi Sociali d’Ambito stesso e la Caritas diocesana;

-che è stato aperto un CC dedicato del Comune di Grottaminarda per una raccolta di fondi, per il quale si ricorda che è ancora attivo;

-che è stato istituito un servizio di sostegno psicologico telefonico gratuito per i cittadini bisognosi sempre in concerto con il Consorzio dei Servizi Sociali e la Pubblica Assistenza di Grottaminarda;

-che sono state disposte sanificazioni continue e periodiche su tutto il territorio comunale, e che altre, sicuramente necessarie, sono in programmazione;

-che le attività ordinarie del Comune di Grottaminarda non sono mai cessate, con tutte le funzioni, anche grazie al lavoro “agile”, l’intera Amministrazione comunale ha garantito i servizi ;

-che la Cittadinanza tutta ha contribuito in maniera eccellente, con comportamenti esemplari, osservanza delle norme e dei dispositivi messi in atto, con condotte e atteggiamenti collaborativi e propositivi, cogliendo anche l’interesse concreto delle nostre richieste di disponibilità, di solidarietà e di mutuo soccorso, mettendo finalmente da parte la faziosità e lo scontro politico, per una virtuosa e utile coesione sociale;

appare,
sempre utile, ma tardiva e sterile, la richiesta del Gruppo Consiliare “Grotta Bene Comune” di convocazione straordinaria e urgente del Consiglio comunale. Anacronistica, perchè formulata solo il 29.04.2020, dopo quasi tre mesi di guerra senza quartiere affrontata da tutta la Cittadinanza. Nel corso di questi mesi gli Amministratori e molti Cittadini hanno constatato con sentimenti di stupore e di costernazione la “mancanza di tracciabilità” e impegno delle forze di opposizione, la assenza di iniziative e proposte concrete (salvo limitate, ma pur sempre encomiabili azioni individuali), ma soprattutto le continue e infelici sortite di qualche incauto e livoroso esponente che ha addirittura remato contro le Istituzioni fomentando contrapposizioni istituzionali e sociali ingiuste, pretestuose, spesso maligne. Incredibili, per quanto vere, al punto che altri esponenti dell’opposizione si sono scusati e dissociati da tali deliranti posizioni. Sterili, e inconcludenti, le richieste specifiche del Consiglio comunale per i motivi che andremo ad esplicitare. I Consiglieri dell’opposizione ignorano, forse, che sono stati adottati dal Febbraio del 2020 ad oggi molteplici e vari protocolli di sicurezza sanitaria, che tuttora giornalmente vengono rivisti e rielaborati nell’ambito di una Filiera Istituzionale operativa, con modalità precise e condivise. Il Sindaco dall’inizio del mese di Marzo 2020 è in contatto diretto e continuo con la Prefettura, con l’ASL/AV e con il SEP (Servizio Epidemiologico di Avellino), per le tutele Sanitarie e Sociali. Quasi quotidianamente vengono garantite con provvedimenti subentranti, vedi l’ultima istituzione dei posti di blocco autostradali con grande sinergia tra Comune, ASL/AV e Forze dell’Ordine. Il Sindaco e l’Amministrazione comunale, tra i primi in Campania, hanno provveduto a elaborare, rappresentare e sollecitare il Governo e la Regione Campania per la ripartenza, con 7 punti strategici di indirizzo, di seguito riportati, con pieno riconoscimento e approvazione di altri Enti e Istituzioni :
1. Organizzare con priorità la riapertura dei grandi cantieri a partire dal 4 maggio p.v. sui quali sappiamo che è già appuntata l’attenzione della S.V. : stazione Air Grottaminarda, Alta Velocità Napoli-Bari e Stazione Hirpinia, strada a scorrimento veloce Lioni – Grottaminarda, lavori per il grande risanamento ambientale e relativi apparati depurativi in vari Comuni e tutti gli altri cantieri pubblici e privati ;
2. Sulla base delle proposte di ANCI Campania e nella piena consapevolezza della gravità economica a seguito dell’inaspettata emergenza di questa pandemia, si ravvisa l’urgenza di immettere energie e risorse finanziarie nei bilanci comunali per le attività ordinarie e straordinarie;
3. Per quanto riguarda l’organizzazione dei Servizi Sanitari, nel far riferimento al documento già sottoposto all’attenzione della S.V., si suggerisce di riprendere e garantire, sull’intero territorio Irpino, tutte le attività sanitarie attualmente sospese o carenti a seguito dell’emergenza sanitaria;
4. Sospensione per il 2020 dei tributi per cittadini e attività economiche, produttive, artigianali, professionali e commerciali, tenuto conto del relativo blocco e di tutte le difficoltà per la ripartenza delle stesse. In particolare si chiede l’abolizione, per l’anno in corso, delle varie tassazioni, tra cui la TARI. (Per questa si chiede una immediata riflessione affinchè possa essere azzerata l’attuale impostazione e stabilire nuovi criteri attraverso l’ATO Rifiuti, Provincia e Irpiniambiente, per ripartire in termini di riduzione dei costi, di produzione di rifiuti e stabilire nuovi criteri di tassazione);
5. Finanziamento con i fondi europei di almeno un’opera pubblica rilevante e strategica per i Comuni in possesso di progettazione definitiva e già presentati alla Regione;
6. Riqualificazione del patrimonio edilizio con particolare riferimento alla messa in sicurezza sismica del patrimonio scolastico;
7. Per le Istituzioni Scolastiche si suggerisce la possibile riapertura delle attività in sede per gruppi-classe ridotti di 1/3 e a giorni alterni e assicurare una didattica realmente personalizzata incontrando almeno una volta a settimana nell’aula 6- 7 alunni in questa fase in cui è necessario garantire distanza e sicurezza tra le persone.

Il fine è che vengano affrontati con tempestività, razionalità e atti concreti, i disagi patiti dalle famiglie, dalle imprese, dalle attività economiche di ogni tipo. Per quanto di competenza comunale è in corso lo studio e la elaborazione di un impianto del Bilancio comunale ad hoc per fronteggiare le incognite del futuro prossimo, ancora in bilico tra la voglia di volare alto e la necessità di non commettere errori di valutazione. Nonostante a tutt’oggi non sia stato erogato alcun tipo di sostegno economico dagli organismi preposti al Comune, come ben noto anche ai Consiglieri di minoranza, e considerando che le tasse e tributi non sono di competenza comunale ma in capo ad altri organismi, non si poteva, non si può, e non si potrà affrontare questa delicata materia con faciloneria e con ricette “immaginifiche e fantastiche”. Troppo facile per non dire ingenua o propagandistica la richiesta di esenzioni e/o riduzioni, cosi’ come strumentale la richiesta di ampliamento dell’area mercato, atteso che quando il Governo e la Regione Campania decideranno di riavviare tutte le attività in essere sul nostro territorio, compresi i mercati cittadini, nel rispetto delle indicazioni fornite e delle norme a supporto, verrà definito un piano operativo che tenga conto di tutte le esigenze reali e degli obiettivi concreti.

Riteniamo utilissimo un Consiglio Comunale ma non per perdere tempo nella rievocazione di cose già fatte, o per effimera voglia di visibilità politica, o per celebrare processi sommari e voglia di propaganda di parte. L’Amministrazione comunale ha auspicato pace e collaborazione da mesi, e ancor più in un momento come questo di criticità globale con grande bisogno di solidarietà e coesione sociale, e invitato tutti a guardare al futuro con serietà per la protezione dei cittadini e per una proficua ripartenza. Bisognerà affrontare i problemi in campo con lo spirito del fare, sempre “per” e mai contro qualcuno o qualcosa, e senza assecondare i deliri ingiustificati di chi sa solo remare contro (no perditempo!).
Non servono Commissioni. Il Sindaco, l’Amministrazione comunale, i Dirigenti comunali, i Dipendenti comunali, le Forze dell’ordine operanti, sono stati all’altezza del compito e si impegneranno nel futuro a svolgere i compiti ordinari e straordinari di competenza dell’Ente con attenzione e dedizione massime e grande spirito di abnegazione.

 

 

Grottaminarda, 08/05/2020

 

L’Amministrazione Comunale Il Sindaco

 

IL COMUNE IN CIFRE

Continuando a utilizzare questo sito si acconsente all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per saperne di più sulla nostra politica sulla Privacy